Capodanno e la risoluzione per Google: fissare la situazione degli aggiornamenti Android

L'inizio del nuovo anno è il momento perfetto per Google per intensificare e fissare la situazione abissale dell’aggiornamento Android.

Android è la piattaforma mobile in più rapida crescita della storia e Google merita i dovuti complimenti. La crescita fenomenale mostra che Google ha praticamente fatto le cose giuste come intenti corrisposti dalla pesante adozione della piattaforma. Quest'anno ha visto Android continuare il suo corso verso l'alto ma non sono state solo rose. 

E infatti mentre l'anno si chiude la conversazione sulla situazione abissale dell’aggiornamento Android è ancora un argomento caldo. E' il momento per Google di dare una risoluzione per il prossimo anno per offrire questo aggiornamento con la situazione sotto controllo.

Gli aggiornamenti Android e l'imprevedibilità di questi è stata nella mente delle persone durante tutto l'anno trascorso.

 

 

La cosa ottimale per Google è preparare il terreno, intensificare e prendere il controllo degli aggiornamenti Android.

 

Se il processo di aggiornamento del portatile non è poi così complicato allora Google ha bisogno di agire sui partner che saranno impostati in un preciso modo e periodo, rivolto ai clienti, in cui si aggiornano i portatili. Solo perché Android è aperto non significa che Google non può mettere controlli sulle aziende per poterlo utilizzare. E' ora di accelerare per conto dei clienti e fare le cose bene. Ai partner non piacerà ma stanno facendo troppi soldi grazie a Android eludendo quanto dovuto.

 

Google sembra essere in ascolto ed è stato costituito un consorzio dei principali attori nello spazio Android per definire il processo di aggiornamento.  Lo sforzo è stato annunciato per stabilire come gli aggiornamenti saranno gestiti in futuro e soprattutto quanto tempo i consumatori devono aspettare per avere gli aggiornamenti disponibili dei dispositivi Android.

Ma il consorzio non ha fatto nulla. Non in una singola azione è riuscito questo sforzo da parte di Google per risolvere il problema noto dei consumatori. Questo non può continuare e l'inizio di un nuovo anno è il momento perfetto per Google per fare tutto il necessario onde arrivare all’opera concreta degli aggiornamenti sparati, proposti e rimandati. 

Non cambieranno molte cose per gli utenti finali se le aziende continueranno a bloccare gli aggiornamenti perché possono. L' aggiornamento andrà meglio se Google gestisce i responsabili e questo significa più di un buffetto sulla guancia quando l’ aggiornamento non è ottenuto dal consumatore. Non importa quello che Google possa pensare ma le buone intenzioni da parte dei membri del consorzio non sono sufficienti se solo di propositi verbali si tratta. I consumatori meritano di ottenere ciò che è stato promesso.

 

Un saluto dallo Staff AndroidStyleHD



  • j4mes

    “Solo perché Android è aperto non significa che Google non può mettere controlli sulle aziende per poterlo utilizzare.”

    Mi dispiace, ma invece è proprio così. Android è open source, il che significa che chiunque può prendere i sorgenti, modificarli se vuole, ricompilarli e metterlo nei propri terminali. Nessuno, ne tanto meno Google, può obbligare a chicchessia di forzare gli update dei propri terminale.
    Può solamente suggerire un metodo da seguire.
    Sarà in caso il mercato a premiare l’azienda che rilascerà gli aggiornamenti. Avere una cosi grande opportunità di scelta per me è un bene. Ed il fatto di avere i sorgenti, è una cosa che gli altri “attori” si possono solamente sognare.
    Questo grande problema della frammentazione, io proprio non lo vedo. Chi stà dietro alla questione aggiornamento, sa sicuramente quali terminali scegliere, o al massimo sa come ottenerlo sui terminali non supportati ufficialmente. Per tutti gli altri utenti, il problema proprio on si pone. Continueranno ad utilizzare il loro smartphone come sempre hanno fatto.