image

Oggi giorno l’avvento del digitale ha rivoluzionato il settore audio consumer, passando dai dvd, cd, blu-art fino alla completa dematerializzazione della musica, offerta dai lettori portatili, smartphone e tablet.
La musica in streaming rappresenta una vera svolta perché non necessita del bisogno di possedere un brano musicale fisico, fruibile attraverso la maggior parte dei dispositivi mobile e desktop.

Oggi vi proponiamo alcuni dei servizi più noti, la maggior parte con un periodo di prova gratuita, in grado di permettere all’utente di valutare l’offerta a seconda delle proprie esigenze.

Inoltre, per un utilizzo intenso del servizio è consigliabile sottoscrivere un piano tariffario con traffico dati incluso, ma se questo non fosse possibile vi consigliamo di scaricare i file sotto copertura Wi-Fi per ascoltare l’audio in modalità offline.

Deezer

Lanciato nel 2007, ma disponibile 2011 per l’Italia. Distribuito in 182 paesi con 35 milioni di brani disponibili e con due tipologie di fruizione, su pc e dispositivi mobili: gratuita (con pubblicità) oppure in abbonamento a 9.99€ mensili (senza pubblicità) con un periodo di prova di 15 giorni; mentre la versione Premium+ offre in aggiunta la modalità offline, l’accesso ai contenuti esclusivi quali anteprime, concorsi a premi con in palio biglietti per concerti e un audio di qualità migliore.

Deezer Music
Deezer Music
Developer: Deezer Mobile
Price: Free+

Google Play Music

Al servizio è possibile accedere tramite account Google, usufruendo del periodo di prova per 30 giorni, ma successivamente è sottoscrivibile esclusivamente con abbonamento mensili al costo di 9.99€.

Il servizio offre la possibilità di effettuare l’upload dei propri brani (fino a 20.000)attraverso l’applicazione Music Manager disponibile per qualsiasi dispositivo che potranno poi essere condivisi su più dispositivi abilitati.
La ricerca di autori e titoli è rapida e i risultati sono accompagnati da brevi test di ascolto.

Google Play Music
Google Play Music
Developer: Google LLC
Price: Free

Grooveshark

Creato nel 2006, il servizio ha avuto un esordio molto travagliato a causa delle controversie legali per diritti di autore. Vantabun catalogo di 15 milioni di brani. A differenza di altri servizi questo offre l’accesso web libero senza necessità di registrazione e la gratuità del servizio in modalità base, senza interruzioni pubblicitarie, anche su dispositivi mobile (sempre via Web).
Se ci si registra o ci si accede tramite account Google e Twitter si ha la possibilità di upload, condivisione dei brani oppure creazione di playlist.
Con l’opzione Grooveshark Vip a 9 dollari al mese o 90 dollari l’anno, offre un software desktop con temi personalizzabili, riproduzioni offline e maggior spazio nel Cloud.

The app was not found in the store. 🙁

Spotify

Lanciato nel 2008, attualmente conta 50 milioni di utenti con 30 milioni di brani.
L’ascolto avviene da desktop, via web oppure con l’applicazione dedicata per Android, iOS, Balckbarry, Windows Mobile, sia in modalità gratuita (con pubblicità) che in abbonamento (senza pubblicità) con qualità superiore e download.
La modalità Premium disponibile a 9.99€ mensili con 30 giorni di prova gratuita su pc e 7 su mobile.

Spotify Music
Spotify Music
Developer: Spotify Ltd.
Price: Free+

Rdio
Fondato nel 2010 da uno dei creatori di Skype, è distribuito in 60 paesi con un catalogo di 30 milioni di brani.
Rdio prevede due modalità di fruizione, una gratuita con pubblicità oppure in abbonamento.
Per quella in abbonamento ci sono più tariffe disponibili:
4.99€ al mese per streaming web dal browser desktop senza pubblicità;
9.99€ al mese per Rdio Unlimited streaming web e mobile con modalità di ascolto offline con prova gratuita di 30 giorni;
14.99€ per il piano famiglia che prevede 2 abbonamenti illimitati a una quota di 5€ per ogni registrazione aggiuntiva (massimo 29.99€ mensili);

La versione gratuita invece consente solo l’ascolto della paulista radio.
Si può accedere al servizio mediante registrazione.

The app was not found in the store. 🙁