Eccoci qui oggi a recensirvi l’ormai famosissimo, e smartphone di top gamma, Samsung Galaxy SII, uno dei dispositivi più venduti del 2011.


Hardware, design e materiali.


Iniziamo subito col dire che il design del Samsung Galaxy SII ha una forma abbastanza simile al suo predecessore, il Samsung Galaxy S, con linee leggermente più squadrate, la presenza del tasto fisico centrale e posteriormente una ricurvatura, dovuta forse ad ospitare l’altoparlante di sistema.

In mano si tiene abbastanza bene, ovviamente stiamo parlando di un dispositivo da 4,3” pollici, quindi la generosità delle dimensioni fa comunque del suo nella presa.
La dotazione della scatola comprende: il dispositivo in primis :), la batteria da 1650Mah, auricolari stereo(con 4 cuffiette di ricambio), cavo USB/microUSB e manualistica varia.

Passando al telefono, posteriormente troviamo la fotocamera da 8 Megapixel, che scatta foto davvero eccellenti, ad una risoluzione di 3264×2448 pixel.

Per i video si può dire lo stesso: risoluzione massima 1080 pixel a 30fps, quindi full hd, in cui però lo zoom non è supportato: basta però scalare la risoluzione ad HD, cioè a 720 pixel, per poter usufruire di un buono zoom, che arriva fino a 4x.

Le impostazioni della fotocamera sono davvero tante, passando ovviamente dal classico autoscatto, alla selezione di scene predefinite, regolazione dell’esposizione, messa a fuoco automatica, effetti, bilanciamento del bianco, contrasto, l’anti occhirossi, e ancora tante altre.

Lo stesso si può dire anche della registrazione video.

Anteriormente c’è una fotocamera frontale da 2 Megapixel, che ci offre un ottima qualità per le videochiamate.

Al fianco della fotocamera frontale invece, troviamo il sensore di luminosità(per regolare automaticamente la luminosità del display, quando si voglia), e quello di prossimità.

L’audio dall’altoparlante di sistema è buono, ma nella capsula auricolare diventa ottimo, anche grazie alla presenze del dolby surround 5.1.

La pecca nel design forse è la cover posteriore per coprire la batteria, in plastica e piena di scricchiolii quando si va a chiudere, ma forse fatta apposta per mantenere il peso del dispositivo davvero basso: ammonta a soli 116 grammi, davvero un record.

Lo spessore anche è davvero contenuto, infatti precisamente è di soli 8,5mm, facendo di esso uno degli smartphone più sottili al mondo.

Sul lato sinistro troviamo poi il bilanciere per il volume, sul destro il tasto di accensione/spegnimento e blocco/sblocco, nella parte bassa ci sta la porta microusb per interfacciarlo con il proprio pc, mentre nella parte alta il foro per il jack da 3,5” per l’auricolare(o cuffie ausiliarie).


Voto design e materiali: 7 ½

Passando all’harware, il dispositivo è mosso da un processore ARM Cortex A9 dual-core, con clock impostato a 1228 Mhz, quindi degno di un top gamma.
La ram ammonta complessivamente a 1028 MB, mentre la memoria interna è da 16GB, con la possibilità di espansione tramite lo slot microSD, il quale abbiamo trovato però molto scomodo, per il fatto che è situato sopra alla batteria(come da immagine) 
e quindi la rimozione della scheda di memoria può avvenire solo a dispositivo spento.
Il display è un SuperAmoled Plus, uno dei display più luminosi presenti su di uno smartphone, con una risoluzione di 480×800 pixel, racchiusi in 4,3”pollici e ricoperto da vetro GorillaGlass, una tecnologia che lo rende davvero molto resistente. Unica pecca di questo display è che i colori possono sembrare non troppo reali.
La GPU è una Mali-400MP, capace di far girare in modo egregio giochi e video in alta risoluzione(ovviamente in combinazione con il processore).

I sensori presenti sono: accelerometro, prossimità, giroscopio, RealStripe.

Sono supportate le reti GSM/HSDPA(900/1800/1900), Gprs(classe 12), 3G(384kbps), EDGE(classe 12), HSDPA(21Mbps).

Il wifi è 802.11b/g/n, con tecnologia wi-fi direct, DLNA, bluetooth 3.0(con EDR), USB 2.0.

L’uscita microUSB, con un opportuno cavetto, fa anche da uscita HDMI, quindi collegabile ad un televisore.


Voto hardware: 8

SOFTWARE:


Il sistema operativo del Samsung Galaxy SII, al primo avvio, è Android Gingerbread 2.3.5.

Gingerbread ha raggiunto una certa maturità, diventando davvero molto più stabile rispetto al predecessore Froyo 2.2.
Il sistema, su questo dispositivo, gira egregiamente, anche grazie ovviamente alla potenza di calcolo del processore, che non fa mostrare nessuna incertezza nell’avvio di qualsiasi applicazione (salvo compatibilità, ovviamente).

La personalizzazione di Samsung, come ben sappiamo, si fa sentire, a partire dalla famosa interfaccia touchwiz 4.0, caratteristica di tutti i Samsung Android, passando ovviamente per le varie applicazioni, quali corriere della sera, gazzetta dello sport, Kies air(per potersi interfacciare con il software kies senza collegamenti via fili), social Hub, DLNA,Vlingo(per il controllo vocale dello smartphone), Samsung Apps(market Samsung) e i vari widget, tra i quali meteo, agenda e risparmio energetico.

Nota meritevole poi va alle impostazioni di risparmio energetico introdotte all’interno delle impostazioni: qui vi è presente il risparmio energetico del sistema, ed un risparmio energetico personalizzato, da configurare in caso che la batteria scenda al di sotto di un certo livello(personalizzabile) di carica; nel secondo tipo di risparmio, è possibile configurare la disattivazione del wifi se non connesso a nessuna rete, la disattivazione del bluetooth se non in uso, disattivazione del gps(per la stessa causa), la regolazione della luminosità ad un determinato livello, ed infine la regolazione dell’intervallo di spegnimento dello schermo.

Con il sensore di movimento poi è possibile effettuare dei movimenti prestabiliti per ottenere varie funzionalità:

-Capovolgi: in caso di una chiamata, se attiva questa impostazione, capovolgendo il dispositivo con il display verso il basso, si disattiverà la suoneria;

-Inclina: Toccando, e tenendo premuto il display(multitouch) su due punti, ed inclinando il dispositivo avanti ed indietro, si potrà eseguire rispettivamente, nel browser(di default) e nella galleria, un zoom out/zoom in;

-Panoramica: Tenendo premuta un icona(o widget), e spostando il dispositivo a destra o sinistra, si scorrerà tra le varie schermate.


Voto Software: 7 ½

DISPLAY


Il display montato su questo dispositivo è un SuperAmoledPlus, specialità di casa Samsung. Rispetto al predecessore, la risoluzione è rimasta invariata(480×800 pixel), ma sono stati aumentati del 50%i subpixel, regalando al cliente una brillantezza e un contrasto ineguagliabile.

Il discorso è soggettivo però: se state cercando un display con un ottima fedeltà dei colori, allora il Galaxy SII non fa per voi, in quanto il pannello SuperAmoledPlus rende i colori un tantino “cartoon”(l’evidenza è poca, ma c’è); se invece cercate un display che abbia un ottima brillantezza, contrasto elevato e neri davvero intensi, allora state facendo la scelta giusta.

Sembra comunque essere uno dei migliori display in circolazione, quindi ciò fa ancora di questo smartphone un top-gamma, che se la contende a pari di altri modelli usciti mesi dopo.
Ottima la leggibilità, anche al sole, quindi con forte luce. Il touch è davvero sensibile, anche grazie alla capacità del multi-touch di ricevere fino a 10 tocchi contemporaneamente.


Voto Display: 8


Infine vi lasciamo con una galleria fotografica per mostrarvi la qualità del suo splendido obbiettivo.


[nggallery id=37]


CONCLUSIONE


Il Samsung Galaxy SII è uno smartphone che, a quasi un anno dalla data di lancio, è ancora fermo tra i top gamma. La resa del display dunque ci è sembrata ottima, la reattività del sistema eccezionale, il design ci è piaciuto davvero tanto.
Uniche due pecche: cover posteriore in materiale plasticoso e(a detta di molti) durata della batteria un po bassa, che però nel nostro caso ci ha permesso di coprire con tranquillità l’intera giornata(ed anche oltre).



  • Fulletting

    Gs2 il migliore nel suo genere.Anch`io sono rimasto impressionato dalla sensibilita del touch .