image

Picwant, la prima app che permette a chiunque di pubblicare le proprie foto e video realizzati con lo smartphone e di venderli online sul sito picwant.com, sarà presente come espositore all’RTÉ MojoCon Ireland (Dublino, 27-28 marzo), la prima conferenza internazionale con un focus mirato su giornalismo, film making e fotografia mobile.

Con lo slogan “The future is mobile, the future is now”, Mojocon mira, attraverso workshop e conferenze, ad analizzare i nuovi volti del giornalismo. La rivoluzione mobile è iniziata da tempo, ma ora più che mai coinvolge le branche del giornalismo e del fotogiornalismo: gli smartphone diventano sempre più intelligenti, dotati di accessori che li trasformano in registratori, videocamere o fotocamere a seconda delle necessità; le app sempre più performanti  accontentano le esigenze di ogni giornalista attraverso strumenti di video e photo editing; l’uso dei social media via mobile è sempre più essenziale per essere tempestivi e catturare anche il pubblico più giovane.

Picwant, vicina per vocazione all’espansione dell’ambito mobile nel settore fotografico e video, sarà presente alla conferenza presso uno stand dedicato (Convention Centre Dublin) dove inviterà i partecipanti ad inviare contenuti legati al mondo delle news, ampliando il numero di contributori legati a questo settore e portando in Irlanda l’esperienza di una startup italiana che si impegna ogni giorno nello sviluppo della fotografia mobile.

Tanti gli eventi in programma sui temi della mobile photography, tra cui l’incontro “Smartphoneography” (27 marzo, ore 16.30) ed il workshop “Mobile Journalism on iOS, Android, Windows Lumia” (28 marzo, ore 9.30). Tra i tantissimi speaker internazionali attesi alla conferenza, Philip Bromwell video giornalista di RTE, Neil Augenstein storico reporter di  WTOP, Nicholas Garnett, news reporter di BBC e Daniel Berman, fondatore dei Mobile Photography Awards.

Stefano Fantoni, Amministratore Unico di Picwant ha commentato:

“Siamo felici di poter presentare Picwant nel corso di un evento nel quale crediamo fortemente.
La mobile revolution ha cambiato il modo di fare giornalismo ma anche fotogiornalismo: abbiamo mirato sin dalla nostra nascita a mostrare come gli ambiti della mobile photography si stiano espandendo e continuiamo a farlo portando la nostra presenza anche all’estero.”

The app was not found in the store. 🙁