Bentornati su AndroidstyleHD, oggi andiamo a conoscere più da vicino un prodotto davvero rivoluzionario di casa Brainworx e Plugin Alliance, stiamo parlando del Bx Digital, è stato il primo plug-in creato da Brainworx, di equalizzazione Mid/Side commercialmente disponibile e oggi è ancora uno degli EQ più in voga per il mixing ed il mastering. L’equalizzatore è di tipo parametrico con un set di 11 bande, con filtri shelving e filtraggio passa alto e passa basso, per ogni canale. E’ possibile operare in diverse modalità: mono, stereo, dual-mono (L-R), un decoder Mid-Side, molto utilizzato per casi di registrazione con strumenti acustici, cori ed ensemble, per offrire un suono più naturale possibile. Quella che analizziamo in questo articolo è la versione V3, pubblicata recentemente dalla software house; vediamo insieme quali sono le novità:

La novità più importante sembra essere l’estensione della gamma delle alte frequenze a 30 KHz (vi chiederete: ma a 30 KHz che senso ha fare delle modifiche, se non possiamo ascoltarle?) per dare più “aria” ai brani ad alta risoluzione; un modulo dinamico di EQ,  Q-Filter e 6 filtri notch, tre per ogni canale. Questi ultimi strumenti sono adatti per per correzioni chirurgiche per lavori su Film mixing o post-produzioni. Vediamo l’interfaccia:

La grafica è molto accattivante, forse spaventa un po’, dato i numerosi controlli, soprattutto per i neofiti e i non addetti ai lavori. La struttura grafica del plugin è stata concepita in direzione orizzontale, da sinistra a destra troviamo la prima sezione con i vari controlli per le sezioni MONO. Partendo dall’alto, abbiamo i primi due potenziometri per regolare la frequenza di taglio dei filtri, uno usato per le frequenze da 20 Hz a 20 KHz mentre il secondo da 22 a 30 KHz. Subito al di sotto abbiamo i sei filtri notch, ognuno personalizzabile singolarmente, accompagnati al di sotto da 6 potenziometri per regolare il fattore Q (campanatura del filtro). La terza fila è addetta ai filtri low-high pass, separati per frequenza interessata: molto interessante la scelta di proporre 6 potenziometri, separando lo spettro in LF, LMF, MF,HMF,HF. Per la sezione Stereo, sono presenti gli stessi controlli.
La caratteristica più interessante di questo plug-in è l’opzione per l’utilizzo del Mid/Side. Vediamo brevemente cos’è: è una tecnica di registrazione stereo, usando un microfono cardioide posizionato frontalmente e un microfono a figura a 8. Il microfono cardioide viene poi inviato ad entrambi i canali in quantità uguali, mentre il microfono di figura o otto è anche indirizzato a livelli uguali a ciascun canale, ma con la polarità invertita nel canale destro. Ciò significa che quando si mixano i canali destro e sinistro, per ottenere un mix mono, il microfono a figura ad otto risulta eliminato e rimane solamente il microfono centrale . Questo rende la registrazione altamente mono compatibile, motivo per cui gli ingegneri del suono amano molto questa configurazione.
E’, inoltre, possibile convertire i segnali stereo convenzionali, in formato M/S mettendo un segnale stereo LR attraverso una matrice M/S. Ciò consente di elaborare il segnale in modi che non sono possibili con i segnali standard Left-Right.

È possibile eseguire l’elaborazione M/S con i plug-in convenzionali impostando una matrice M/S nella propria DAW, instradando le uscite “Mid” e “Side” in due plug-in EQ, e poi utilizzando un’altra matrice M/S per convertire i file stereo, ma non è sempre facile scegliere le impostazioni corrette e si ottengono spesso problemi. Il plug-in È possibile eseguire l’elaborazione M & S con i plug-in convenzionali impostando una matrice M & S nel mixer Pro Tools, instradando le uscite “M” e “S” in due plug-in EQ e poi utilizzando un’altra matrice M & S per convertire tali file stereo, ma non è facile scegliere le impostazioni da collegare e si esegue in problemi che tentano di monitorare correttamente il segnale ‘S’. Il plug-in BX Digital V3 ha le necessarie matrici M/S, e la sua caratteristica unica, secondo Brainworx, è quella di consentire l’ascolto diretto, ai soli segnali “Mid” o “Side”. In altre parole, è possibile ascoltare solo la componente ‘M’ o ‘S’ del tuo mix e lavorare in modo indipendente su questi due segnali.

Successivamente ci sono i controlli di uscita e di ingresso (zona centrale del plugin), più un potenziometro per aumentare o diminuire l’apertura stereofonica. Al di sotto sono presenti i controlli per il bilanciamento del segnale LR e M/S.
Sotto la sezione BX2 è presente un display grafico che mostra gli effetti delle regolazioni di frequenza effettuate sia nelle sezioni mono e stereo. Forse era stato meglio visualizzare  delle linee colorate separate, per ogni sezione, per visualizzare velocemente le modifiche effettuate e la linea di EQ generale.

Personalmente credo sia un plugin “neutro”, non effettua una gran lavoro sul suono in se, ma è molto utile per chi effettua mastering M/S, per gestire e monitorare il lavoro effettuato.

Per acquistarlo segui questo link, il costo è di 129$ in promozione, il prezzo di listino è di 249$. ,

[mom_video type=”youtube” id=”asJfKRr8jBc” width=”600″]

[review]