10 modi per dare lunga vita e risparmiare la Batteria dei vostri dispositivi

0
219

Ecco una serie di trucchi per mantenere al vostra batteria dello smartphone in perfetta efficienza e prolungare al massimo l’autonomia.

batteria 10 modi

Se la vostra batteria si scarica facilmente e non vi fa arrivare a fine serata costringendovi continuamente a collegare lo smartphone  alla presa elettrica, c’è qualcosa che non va! Oggi vi aiuteremo a capire come migliorare la durata della vostra batteria e come mantenerla in perfetta efficienza.

1. LA CURA DELLA BATTERIA

Le moderne batterie, presenti sulla maggior parte degli smartphone di ultima generazione, sono batteria a ioni di litio. Queste batteria hanno una vita legata ai loro cicli completi di ricarica/scarica. Per mantenere una batteria in ottime condizioni e in buona salute, bastano piccoli accorgimenti: per prima cosa non far scaricare la batteria del tutto (un pò come succede con la batterie delle macchine), quindi collegate il vostro smartphone quando si ha una carica residua che va da 30% ad un massimo del 20%, ma se proprio vi risulta difficile mai scendere sotto il 10 %. Per ogni 50 cicli di ricarica fate scaricare la vostra batteria completamente per poi ricaricarla, questo passaggio serve per ricalibrare la batteria.

Se acquistate uno nuovo smartphone non accendetelo subito, ma piuttosto mettetelo sotto carica per almeno otto ore frenando la vostra curiosità e la frenesia nell’utilizzare l’ultimo arrivato.

Infine evitate le temperature elevate, come lasciare lo smartphone sotto il sole o vicino fonti di calore artificiali.

[toggle title=”CURIOSITA'”]Se non usate un dispositivo, non tenetela scarica la batteria, caricatela comunque una volta al mese[/toggle]

2. LA LUMINOSITÀ’ DEL DISPLAY

best-way-automatically-adjust-screen-brightness-your-samsung-galaxy-s3-exactly-you-like.w654

Il Display è il maggiore responsabile di consumo elettrico del nostro smartphone, ma come ottimizzarlo??

La prima cosa da fare è impostare la luminosità ad un valore accettabile. Su ogni smartphone ci sono display diversi, quindi è difficile stabilire un’impostazione efficiente per tutti, ma nella maggior parte dei casi il display è leggibile con un valore che va da 40 /50 %, per altri è necessario una maggiore percentuale.

[box type=”note” headcolor=”CURIOSITA'”]La luminosità automatica , a volte può far più male che bene, quindi nel dubbio meglio disabilitarla. [/box]

La seconda cosa da fare è impostare il tempo di spegnimento del display in caso di inattività. Il nostro consiglio è quello di impostarlo sui 30 secondi o massimo 1 minuto, evitate i tempi più lunghi.

3.DISATTIVARE LE INTERFACCE WIRELESS

Smartphone-hack-uses-WiFi-hotspot-665x385

Ciò che più consuma la nostra batteria dopo il display sono le interfacce senza fili, la loro disattivazione quando non necessaria può allungare l’autonomia della batteria. Il wifi ad esempio è inutile mentre si è in viaggio o in giro per i parchi della vostra città, quindi dovrebbe essere buon uso disattivarlo per poi riattivarlo quando necessario o dove si trova una linea alla quale agganciarsi.

Anche la connessione dati, diventa inutile quando si è collegati ad una linea wifi, quindi deve essere buon uso chiudere e accenderla in base al posto dove si ci trova. Se tutto questo attiva e disattiva vi fa passar la voglia di risparmiare batteria, ci sono delle semplici applicazioni che faranno tutto per voi.Nel playstore ne trovate di svariate noi ne elencheremo le 2 che secondo noi funzionano meglio:

Gestore 3G - Il salva batteria
Gestore 3G - Il salva batteria
Developer: Matteo & Fabio
Price: 0,99 €

Smart WiFi Toggler
Smart WiFi Toggler
Developer: Sebouh Aguehian
Price: Free+

Ultimo accorgimento e quello di controllare  l’interfaccia NFC e quella del Bluetooth, due connessioni che possono tranquillamente essere disabilitate perché usate pochissimo.

4. LIMITARE LE NOTIFICHE PUSH

iphone_notification_android

Se siete social dipendenti, questo potrebbe essere il momento giusto per frenare la vostra mania di rispondere in tempo reale a tutto. Sia Facebook che Twitter e in genere qualsiasi attività di tipo push consuma energia, sopratutto se associate a suonerie o peggio ancora alla vibrazione del telefono. Disattivate ciò che non serve davvero; Se applicazioni come messenger o whatsapp hanno bisogno di notificare subito e in maniera istantanea la notifica, tutto il resto può aspettare.

Per disabilitare le applicazioni a ricevere notifiche push dovrete intervenire singolarmente su ognuna, andando su impostazioni/applicazioni/ nome dell’applicazione/ e disabilitare la spunta mostra notifiche. Le notifiche saranno comunque disponibili una volta che si accede all’applicazione.

5. DISATTIVARE IL GPS

sygic-2

Se avete (sicuramente) utilizzato il vostro smartphone come navigatore, sapete benissimo come il gps sia in grado di prosciugare letteralmente l’autonomia del nostro smartphone. Ma quali accorgimenti prendere?

Per prima cosa procuratevi un cavo usb da collegare alla macchina per alimentare il vostro smartphone o una batteria portatile in caso voi siate a piedi.

Seconda cosa è meglio disattivare le applicazioni che durante l’utilizzo del GPS come navigatore tendono a rilevare la  posizione in maniera subdola, come il meteo, la chat di facebook, il browser o la fotocamera che richiede la posizione per inserire un tag nelle foto.

6. CONTROLLARE LA SINCRONIZZAZIONE

La maggior parte delle applicazioni che utilizziamo, richiedono periodicamente una connessione per sincronizzare (scaricare o inviare) dati. Per farvi capire basterà pensare a come l’applicazione di posta elettronica, si connetta periodicamente per scaricare e notificarci le nuove email.

Come controllare?

Il nostro consiglio e quello di limitare le applicazioni che si connettono a internet, o di impostare dei tempi d’intervallo per la sincronizzazione. Su Android basterà tirare giù la tendina delle notifiche con due dita per accedere al menu impostazioni veloce e disabilitare/abilitare la connessione. Se siete pigri vi consigliamo un’applicazione che farà il lavoro per voi.

The app was not found in the store. 🙁

7. CHIUDERE LE APPLICAZIONI NON UTILIZZATE

taskmanager

Android è un sistema operativo multitasking che permette alle applicazioni di funzionare e aggiornarsi anche quando sembrano chiuse. Si proprio cosi, non basta toccare il tasto home e non utilizzare l’applicazione per chiuderla, infatti quest’ultima continuerà a funzionare e a consumare energia e nel caso del navigatore con gps connesso “so dolori”.

Ma come chiudere le applicazioni in maniera veloce e definitiva?

Su Android in base alle versioni basterà tenere premuto sul tasto home per qualche secondo per entrare nel gestore delle app aperte “task manager” e chiudere tutte le applicazioni aperte o solo quelle che non ci servono.

La chiusura ottimale delle applicazioni incide anche sulle prestazione del dispositivo in quanto libera molta RAM.

8. LIMITARE GLI EFFETTI GRAFICI

Una delle particolarità di Android è la possibilità di personalizzare la propria home con widget , sfondi animati o salvaschermi con grafiche in 3D. Estaticamente molto appaganti, ma ricordate che tutto ciò che è grafica richiede potenza di calcolo e quindi energia. Il nostro consiglio e quello di cercare di fare a meno di sfondi animati e di eliminare tutte quelle personalizzazioni superflue che potrebbero ridare vita al vostro smarphone sia sotto il punto di vista energetico che di prestazioni.

9. AGGIORNARE SEMPRE LE APPLICAZIONI O IL S.O.

Spesso le nuove versione delle applicazioni  sono sempre più ottimizzate e migliorare la gestione delle risorse, quindi vi consigliamo di controllare periodicamente se ci sono aggiornamenti o di impostare l’aggiornamento in maniera automatica. Cosa molto importante e controllare o informarsi in rete se sono disponibili aggiornamenti del S.O. che vanno a migliorare la gestione del dispositivo non solo in termini di dispendio energetico ma anche di prestazioni e di importanti novità

LEGGI ANCHE: Android Lollipop ecco la lista completa dei dispositivi che lo riceveranno

10. DISATTIVARE LA VIBRAZIONE

Si proprio cosi, la notifica tramite vibrazione consuma molta più energia di quella classica con una suoneria. Il nostro consiglio e quello di disabilitare la vibrazione nelle chiamate e messaggi a meno che non siate nella modalità silenzioso. Stessa cosa farla per il feedbak tattile: avere i tasti che vibrano ad ogni pressione o tocco è superfluo e poco utile.