RECENSIONE: Ekster Smart Wallet, il portafogli sempre con noi

0
1312

Oggi proviamo per voi un portafogli molto particolare, con un sistema di GPS integrato così da poter essere sempre ritrovato!

Azienda

EKSTER® è stata fondata a Rotterdam, e il nome prende ispirazione dalla gazza ladra, conosciuta anche come “Ekster” nei Paesi Bassi. Le gazze sono spesso indicate come “gazze ladre” a causa della loro tendenza a rintracciare oggetti lucidi come gioielli e monete.

“Le nostre lotte personali con i prodotti offerti oggi sul mercato ci hanno motivato a sviluppare questo smart wallet tracciabile. Ci sono diversi problemi e tendenze nel mercato che ci hanno ispirato a progettare l’ultimo portafoglio intelligente con uno sguardo al futuro. Problemi di sicurezza, ingombranti portafogli, pagamenti NFC e troppa agitazione sono tutti motivi per cui abbiamo deciso di apportare un cambiamento in questo settore.”

Confezione

All’arrivo il pacco si compone di due parti: Ekster Wallet (portafogli) ed Ekster Tracker (localizzatore).

La confezione del tracker è protetta da un bollino con logo Ekster per garantire che nessuno l’abbia aperta prima di voi.

La confezione del portafogli invece risulta molto elegante e protetta da una pellicola che la avvolge totalmente. Al suo interno alloggia il nostro portafogli assieme ad una banda elastica aggiuntiva per tenere delle banconote, nel caso non volessimo la sezione dedicata al tracker.

Nel nostro caso, vi proponiamo in prova il modello “Senate + Tracker”.

Prodotto

La confezione rende ben chiara l’idea di cosa troveremo al suo interno: un prodotto elegante e ben curato. Tutti i portafogli Ekster, infatti, sono realizzati a mano con la più alta qualità di vera pelle disponibile in Europa.

Sebbene alcune componenti interne siano in plastica, appena lo si prende in mano ci si rende conto di come i materiali nel complesso donino eleganza al prodotto. Dal meccanismo per estrarre le carte, alla gomma posta ai lati del loro alloggiamento per mantenerle salde, alla banda elastica del tracker o quella delle banconote, tutto rispecchia la qualità del prodotto.

Il portafogli è disponibile in 4 varianti, tutte con materiali e pelli eccellenti:

  • Classic Brown
  • Nappa Black
  • Steel Blue
  • Roma Cognac

Andando per ordine, il portafogli vero e proprio è unicamente la sezione dedicata alla carte:

  • Dimensioni di 0.85 x 10.5 x 6 cm
  • Spazio per contenere fino a 7 carte
  • Difesa da RFID/NFC per 4 o 6 carte
  • Elastico multifunzione, tra cui contenere banconote

Premendo il tasto inferiore, indipendentemente dalla pressione, le carte contenute al suo interno usciranno con un effetto “a scala”, e prenderle risulta estremamente semplice.

In aggiunta, il tracker viene fornito come una sezione aggiuntiva da unire mediante apposito elastico, che fornisce lo spazio necessario per l’inserimento della scheda:

  • Funzionalità derivanti dalla tecnologia TrackR®
  • Connessione tramite Bluetooth 4.0 LE (Basso Consumo)
  • Compatibilità con Android 4.3 e superiore / iOS 7 e superiore
  • Copertura di 30 metri circa in luogo aperto tramite Bluetooth
  • Copertura a livello globale tramite tecnologia TrackR, grazie alla rete Crowd-GPS
  • Batteria ricaricabile tramite pannello solare: 3 ore di luce solare garantiscono 1 mese di utilizzo
  • Capace di emettere avvisi sonori per segnalazioni

Applicazione

L’applicazione sfrutta la tecnologia di Crowd-GPS è TrackR, con la quale possiamo associare il nostro tracker, così da poterlo sempre rintracciare tramite il nostro telefono.

Per fare ciò, i passi da seguire per l’associazione del dispositivo sono pochi e molto semplici:

  • Scarichiamo l’app TrackR dallo store
TrackR - Lost Item Tracker
TrackR - Lost Item Tracker
Developer: TrackR Inc.
Price: Free
TrackR - Lost Item Finder
TrackR - Lost Item Finder
Developer: PhoneHalo
Price: Free

  • Accendiamo il bluetooth del nostro smartphone
  • Selezioniamo “Aggiungi Dispositivo nell’app”
  • Alla fine della lista, dopo aver selezionato “Works with TrackR”, cerchiamo l’azienda produttrice “Ekster” e confermiamo
  • Diamogli un nome
  • Tenendo vicino il nostro nuovo dispositivo con tecnologia TrackR, premiamo il logo dell’azienda posto frontalmente sul tracker
  • Dopo qualche secondo di configurazione automatica, dobbiamo registrarci per poter avere tutti i dati sincronizzati nel Cloud
  • Ora il nostro dispositivo è associato al nostro profilo utente!

A questo punto l’app vi chiederà se volete abilitare la “Storia degli Avvistamenti” e gli “Avvisi di Rilevamento” che, ovviamente, dovreste attivare per sfruttare a pieno le sue funzionalità.

Se connessi al dispositivo avremo la possibilità di farlo suonare per rintracciarlo, con una grafica che nella parte superiore ci indica quanto siamo vicini.

Se non connessi invece, l’app ci darà la possibilità di abilitare la ricezione della posizione del portafogli (una sorta di modalità “Ho perso il mio dispositivo”), oltre alla basilare visualizzazione dello stato del bluetooth.

A prescindere dalla posizione, avremo sempre a disposizione vari strumenti per gestire noi e il nostro Ekster:

  • Dalla homepage possiamo visualizzare le ultime segnalazioni di avvistamenti (il pulsante in basso), l’ultima posizione direttamente sulla mappa (il pulsante in alto), ed entrare nelle impostazioni del dispositivo (pulsante “Item Settings”)
  • Tramite il simbolo in alto a sinistra (hamburger) possiamo gestire il nostro account e, cosa importante, poter indicare che la nostra rete wifi di casa è “sicura”, ovvero che non è necessario inviare segnalazioni
  • Tramite il simbolo in alto a destra (3 pallini) possiamo visualizzare l’elenco dei nostri dispositivi e per ciascuno entrare nelle sue impostazioni.

Le sopra citate “Impostazioni del dispositivo” sono molto varie ed utili, in ordine possiamo:

  1. Modificare il nome del dispositivo
  2. Abilitare gli avvisi riferiti al ritrovamento del nostro Ekster Wallet
  3. Abilitare la “Storia delle localizzazioni”
  4. Visualizzare lo stato della batteria
  5. Abilitare gli avvisi sonori in caso ci stessimo allontanando dal nostro smartphone, o dal nostro portafogli, rispettivamente
  6. Impostare la durata dell’avviso, e la tipologia di avviso (possiamo impostare anche una canzone sullo smartphone)
  7. Visualizzare la versione del firmware
  8. Rimuovere il dispositivo dal nostro account

Sono presenti anche delle notifiche utili per segnalare diversi avvenimenti come la chiusura dell’app (che terminerà quindi di funzionare, limitandola), oppure allarmi per informarci che ci stiamo allontanando dal portafogli o dal telefono a seconda dei casi.

CrowdGPS

Questa tecnologia è relativamente recente, si basa sull’idea che se si perde qualcosa, è possibile “chiedere” alla comunità di persone che condividono la stessa app mobile di aiutarci nella ricerca. È necessario etichettare l’oggetto come “perduto” e quando un utente di un’applicazione TrackR passa accanto all’articolo smarrito, l’applicazione lo vede e ti invia automaticamente un aggiornamento privato, sicuro e anonimo della posizione.

Gli altri utenti TrackR non ricevono la posizione dell’articolo. Ogni utente di app TrackR fa parte della rete Crowd Locate, aiutando gli altri a trovare ciò che si perde. Tutto quello che devi fare è lasciare Bluetooth e la tua applicazione in esecuzione in background per unirsi alla folla. Nessuno sa che il tuo articolo è perso tranne te.

Crowd Locate aiuta gli utenti a trovare oltre 2 milioni di oggetti ogni giorno!

La rete sta crescendo ogni giorno ed è possibile controllare la densità della rete nella vostra zona con il seguente URL.

Nel nostro caso, dopo aver abilitato la ricezione di avvisi al ritrovamento, riceveremo una notifica nell’app contenente l’ultima posizione in cui il nostro portafogli è stato avvistato, notifica che però è stata mandata appunto dall’app di un altro utente in automatico.

Consigliato a Chi?

Personalmente l’ho testato un po’ prima di recensirlo, e mi sento di consigliarlo prevalentemente a:

  • Chi non ha esigenza di avere monete con se
  • Chi vive in grandi città, dove l’uso di carte e pagamenti elettronici è “la norma”. In questo caso un portafogli così piccolo, pratico e maneggevole è perfetto
  • Chi punta all’essenziale senza rinunciare alla qualità del prodotto

Varianti

Se avete bisogno di un piccolo portamonete, o avete necessità di più spazio per le tessere allora è disponibile anche una variante maggiorata chiamata “Parliament con sempre la possibilità di associarla ad un tracker. In questo caso, oltre ad un piccolo portamonete, avrete lo spazio per alloggiare 10 tessere, con anche una tasca nascosta.

In aggiunta, è disponibile anche una cover per iPhone 6/7/8 con cui è possibile portare con se 1 tessera ed una SIM secondaria.

Conclusioni

Dopo vari giorni di prova senza prestare particolare attenzione, non ho riscontrato danni di alcun tipo, tantomeno difetti di costruzione o di connessione al mio smartphone. La pelle è veramente ottima, quando si è seduti e lo si appoggia sopra il tavolo fa sempre una bella figura, soprattutto se in pandant con il proprio telefono!

Precisiamo subito che questo portafogli non può essere considerato un mezzo per impedire furti, la tecnologia TrackR aiuta molto in questo, ma il suo obiettivo primario è di aiutare il proprietario a ritrovarlo in caso venga dimenticato.

Il suo prezzo di vendita è di $99.00. Non sono pochi è vero, ma è un piccolo investimento per avere un portafogli di ottima qualità (cosa importante, essendo un oggetto che usiamo ogni giorno) che, in caso di smarrimento, ci segnala la posizione grazie alla tecnologia di cui è dotato.

Se viaggiante molto, beh pensateci perché potrebbe veramente tornarvi utile, anche grazie agli avvisi sonori (configurabili) per avvertirvi se vi state allontanando da lui.

Per qualsiasi altra informazione, vi rimando al sito ufficiale da cui poter acquistarlo e confrontare gli altri modelli, ed al canale ufficiale YouTube di Ekster.

Personalmente sono stato vittima di furto in casa l’anno scorso e questo dispositivo mi sarebbe tornato molto utile ai tempi. Anche per questo ho deciso di portarvi la recensione di questa tipologia di prodotti (che spero continui) perché, sempre sperando non capiti a nessuno, una volta persa una cosa del genere, un modo in più per poterla ritrovare non guasta mai (conosciamo tutti l’infinita lista di problemi annessi a furti di questo tipo).