RECENSIONE NETGEAR Orbi: Addio problemi di copertura

0
3133

Configurazione semplicissima e copertura di ogni angolo della casa sono solo alcuni dei vantaggi che NETGEAR Orbi offre!

Confezione

La confezione del sistema Netgear Orbi RBK30 in prova si presenta in forma di cofanetto dalla grafica essenziale: viene riportatao unicamente il riferimento al marchio “Orbi”. Attorno ad esso è avvolto un cartoncino riportante delle immagini illustrative, specifiche tecniche ed alcune delle caratteristiche principali del prodotto.

L’ingombro potrebbe sembrare esagerato, ma precisiamo sin da subito che questo sistema si compone da 1 a più componenti che, nel nostro caso, corrispondono ad un router ed un satellite.

Una volta aperta la confezione, davvero ben organizzata, ci troveremo di fronte al contenuto di:

  • Sistema Orbi RBK30 (Router + satellite a muro)
  • Cavo di rete da 2m
  • Cavo di alimentazione da 12 V/2,5 A
  • Guida alla prima installazione cartacea (multilingua) + DVD

Prodotto

Appena provato con mano il prodotto ci si accorge di come sia costituito di plastica morbida al tatto che dona sin da subito un effetto premium, ma oltre al tatto anche la vista vuole la sua parte e il sistema Orbi non ha nulla di cui temere. A differenza della maggior parte dei router che possiede un design aggressivo, quello di orbi è molto elegante e per questo trova facilmente collocazione in un ambiente domestico senza mai dare fastidio.

Il dispositivo principale del sistema in prova è il router dalla forma ovale, dalle dimensioni di 162 x 78 x 203 mm e dal peso di circa 750 g.

Frontalmente trova posto unicamente la dicitura del marchio “orbi”, proprio per mantenere un design elegante.
Superiormente invece vi è l’unico LED di stato del sistema che, in base alla situazione, è in grado di assumere diverse sfumature di colori.

Il LED è davvero molto importante essendo l’unico punto di riferimento fisico visivo. Grazie a lui potremmo farci un’idea dei progressi della configurazione iniziale, o ancora capire lo stato dell’associazione tra lui e i satelliti ad esso associati. Tanto per farvi degli esempi il LED potrebbe diventare:

  • Bianco: Alla ricerca di satelliti
  • Blu: Collegamento effettuato
  • Magenta: Satelliti non trovati

Non pensate però che il cambio di colore sia drastico, Netgear ha ben pensato di renderlo molto soft con un effetto di “fading”. Purtroppo o perfortuna, dipende dai punti di vista, il LED sarà visibile soltanto durante la fase di avvio / abbinamento mentre il restante dei momenti rimarrà spento per passare inosservato.

Posteriormente troviamo l’intera dotazione di porte di cui il router è dotato:

  • Tasto Sync per l’associazione di ulteriori satelliti
  • 1x Porta WAN
  • 3x Porte Ethernet
  • Tasto di accensione / spegnimento
  • Ingresso del cavo di alimentazione
  • Pulsante Reset

Il resto della parte posteriore ed inferiore è caratterizzato da ampie griglie di dissipazione del calore che garantiscono, anche in condizioni di stress, un’ottima temperatura di esercizio.

Successivamente troviamo il satellite a muro abbinato, anch’esso fatto di una particolare plastica molto morbida al tatto.
Dato l’utilizzo per cui è stato pensato, le dimensioni sono ovviamente più contenute arrivando a 83 x 76.2 x 161 mm con un peso di 304 g.

Il design della parte frontale non si smetisce riportando unicamente il marchio “orbi”, così come anche il lato destro dove non è presente alcun pulsante.

Sul lato sinistro invece troviamo sostanzialmente lo stesso pulsante Sync per un eventuale accoppiamento ed il tasto Reset, mentre superiormente un LED di stato con le stesse funzioni descritte in precedenza, solo più piccolo.

Ancora una volta il resto dello spazio posteriore ed inferiore è destinato alla dissipazione del calore, molto più importante in questo caso date le dimensioni contenute.

Per una descrizione completa delle caratteristiche tecniche del sistema troverete il necessario a fondo pagina.

Gestione della Rete MESH

La rete MESH si basa sull’idea che i vari dispositivi comunichino wireless tra di loro alla pari con l’unico scopo di collaborare per espandere la copertura del segnale garantendo la massima banda disponibile, senza che qualcuno abbia più priorità di altri. Questo avviene grazie all’utilizzo di una terza banda che i vari apparati Orbi sfruttano per comunicare tra loro senza disturbare gli apparati utilizzatori.

Eccetto per la presenza di un router principale che, già per il nome, implica essere più importante degli altri e quindi non più alla pari, il sistema fa veramente ciò che promette:

  • Un sistema scalabile, ovvero che permette di aggiungere altri nodi (satelliti) alla propria rete per ampliarne la copertura
  • Una rete unica, impedendo così continue disconnessioni dovute al cambio di satellite
  • Un’intelligente gestione della banda, dato che i dispositivi si occuperanno in automatico della gestione della rete in base alla nostra vicinanza
  • E molto altro!

APPUNTO: Con gli ultimi aggiornamenti del firmware Orbi supporta sia le “Daisy Chain” che le “reti a stella”. Con la “Daisy Chain” i satelliti possono connettersi tra loro o al router a seconda della connessione migliore, mentre in precedenza ogni satellite Orbi doveva essere nel raggio d’azione del WiFi del router Orbi. Con la “Daisy Chain” si ha una maggiore flessibilità quando si posizionano i satelliti.

Configurazione & Utilizzo

Dato che Netgear la mette a disposizione, vi consigliamo di utilizzare la loro app “Orbi” (di cui parleremo più avanti) per una prima configurazione e solo successivamente accedere all’interfaccia web per una configurazione più accurata. In questa recensione ci siamo apprestati a seguire proprio la procedura via applicazione, vista la “promessa” di poter configurare il tutto in modo estremamente semplice.

Se avete bisogno di un supporto durante l’installazione vera e propria, ricordatevi di usare la piccola guida fornita in dotazione oppure di seguire le istruzioni che compariranno passo dopo passo nell’applicazione!

Per iniziare vi basterà collegare all’alimentazione le due parti che, in automatico, si rileveranno andando a creare un’unica grande rete. Ricordate il tasto Sync di cui vi avevamo parlato? Ecco, serve proprio per far partire la procedura di sincronizzazione nel caso i dispositivi non si vedano tra loro, oppure per associarne di nuovi. Nel nostro caso tutto è andato nel verso corretto, non restituendo alcun tipo di problema.

Insomma, tempo 5 minuti e la nostra rete era già bella che funzionante!

Una volta completata questa veloce configurazione iniziale da smartphone potremmo recarci nell’interfaccia web per accedere a delle impostazioni più avanzate.

CONSIGLIO: Se non conoscete l’IP del router all’interno della vostra rete, utilizzare l’indirizzo http://orbilogin.com/ che, dopo una veloce ricerca in rete, vi indicherà le informazioni degli apparati Orbi presenti.

Quì la pecca maggiore del’intero sistema: la gestione via web è la classica proposta da Netgear da anni, solo rivista in stile più moderno. A questo punto c’è ben poco da dire, l’interfaccia è quella a cui siamo abituati con una suddivione in macro-aree dei vari settaggi, non particolarmente complessa ma neanche intuitiva come mi sarei aspettato.

Per citarne comunque alcune, aspettatevi la presenza di reti per gli ospiti, controllo degli accessi, firewall, controllo parentale, blocco di servizi, dispositivi collegati, blocco dei siti, email, QoS, programmazione, aggiornamento del firmware, status del router, statistiche, port forwarding, DDNS, gestione remota, VPN, modalità di funzionamento (router / AC), e tanto altro.

Prestazioni

Ricordiamo che il modello in prova è il sistema WiFi Orbi (RBK30) costituito da un router WiFi Orbi e un satellite Wall Plug, che coprono fino a 200 metri quadrati con il WiFi AC2200 dalle elevate prestazioni.

Come si può intuire dalla scheda tecnica, il router non risente lo stress nemmeno in situazioni con diversi apparati collegati, mantenendo una temperatura sempre molto bassa e fluidità più che ottima.

Come valori medi, via cavo riese a sfruttare l’80% della banda disponibile mentre via wireless si aggira su un 70% circa, ma raggiunge picchi anche maggiori. La suddivisione della banda ai vari apparati connessi è buona anche se non uniforme, ma stiamo parlando di piccolezze.

Come detto precedentemente, il router riesce a capire in autonomia quale banda affidare ad un dispositivo connesso via WiFi il che significa che riesce sempre a garantirci la massima banda disponibile nel punto in cui ci troviamo.

Arriviamo ora al fattore portata… fenomenale!

Ho fatto diversi test e il risultato è stato molto superiore di quanto mi aspettassi. Complice il sistema a satelliti, dove prima riuscivo a prendere in modo discreto ora prendo il massimo della banda disponibile, e mentre prima addirittura non prendevo ora ricevo più di metà banda.
Ah se vi state chiedendo “Ma la trasmissione di dati tra router e satelliti è soggetta a perdite di dati?”, beh la risposta è no. La banda che ricevo dal satellite è la stessa del trovarmi accanto al router principale.

Sotto questo punto di vista non si può muovere alcuna critica, è stato fatto davvero un ottimo lavoro da parte di netgear.

Applicazione Mobile

L’applicazione “Netgear Orbi” disponibile per Android e iOS è semplice da usare e curata nella sua grafica, anche se davvero poco ricca di funzioni.
Se doveste fare qualche lieve modifica ai parametri della vostra rete potrebbe essere sufficiente, ma per un qualsiasi bisogno più approfondito è necessario utilizzare l’interfaccia web del router.

APPUNTO: Non è necessario creare account o configurare informazioni personali. Per i dispositivi iOS è disponibile l’accesso con impronta digitale.

NETGEAR Orbi
NETGEAR Orbi
Developer: NETGEAR, Inc
Price: Free
NETGEAR Orbi
NETGEAR Orbi
Developer: NETGEAR
Price: Free

Inoltre è disponibile l’app Circle che consente ai genitori di filtrare contenuti, gestire il tempo trascorso davanti allo schermo e restare informati sull’attività online dei propri figli. Queste sono solo alcune delle funzionalità che questa app offre, per maggiori informazioni date un’occhiata al sito ufficiale!

Circle: Smart Family Controls
Circle: Smart Family Controls

Infine, vi è la possibilità di controllare la nostra rete WiFi Netgear con semplici comandi vocali utilizzando Amazon Alexa.

Consigliato a Chi?

  • A chi ha necessità di coprire grandi zone sotto la stessa rete WiFi e che ancora non ha trovato sul mercato un apparato che gli consentisse di fare ciò
  • Chi è alla ricerca di qualcosa di più elegante del solito router “aggressivo”, mantenendo quindi un perfetto compromesso tra prestazioni e design

Varianti

Il sistema Orbi si sviluppa attraverso diverse varianti differenziate in base alla velocità di trasmissione, alla copertura e al numero di satelliti inclusi.
Per conoscerne di più e trovare il sistema più adatto alla tua casa, consulta il sito ufficile Netgear.

Punti di forza

  • Configurazione estremanente semplice
  • Design e materiali molto curati ed eleganti
  • Copertura straordinaria grazie alla comunicazione tramite canale dedicato
  • Scalabilità del sistema
  • Unica rete wireless sotto lo stesso nome
  • Assegnazione automatica della banda 2.4 GHz / 5 GHz

Punti di debolezza

  • L’interfaccia web per la gestione del router sarebbe da svecchiare
  • L’applicazione per smartphone dovrebbe avere più funzionalità
  • Il prezzo è proibitivo per molte persone
  • Il nome della rete è unico sia per quanto riguarda ciascun satellite che la banda, e non vi è modo di modificare tale funzionamento

Conclusioni

Il prezzo di vendita è attualmente di EUR 224,97 per il modello RBK30 in prova, ma in base alle vostre esigenze di copertura potete creare un sistema Orbi cucino su misura per voi.

So che potrebbe sembrare un prezzo ingiustificato alla maggior parte di voi, ma per chi le avesse provate tutte per garantire una completa copertura di casa propria e ancora non ci fosse riuscito, questo è il prodotto giusto. Mettete in conto un “grosso” investimento iniziale ma poi non avrete più alcun problema, e non sarete più capaci di tornare indietro.

PERSONALE: Casa mia è particolarmente grande e mentre con il mio router personale arrivo a coprire il 30% della superficie divisa in più piani, con Orbi raggiungo l’80%! (se escludiamo la taverna molto schermata, possiamo considerare una copertura completa)

Per ulteriori informazioni vi rimandiamo alla pagina ufficiale di Netgear Orbi.

Un particolare ringraziamento va a Netgear per il modello fornitoci in prova.

Specifiche Tecniche

Velocità WiFi combinata 2.200 Mbps (866 + 866 + 400 Mbps)
Copertura 200 metri quadrati
Backhaul dedicato 2×2 (867 Mbps)
Tecnologia WiFi Tri-band
Memoria 128 MB di memoria Flash e 256 MB di RAM
MU-MIMO Si
Antenne Sei (6) antenne ad alte prestazioni
Dimensioni Router 16,25 x 7,8 x 20,3 cm
Dimensioni Satellite 8,4 x 7,6 x 16,10 cm
Peso Router 749 g
Peso Satellite 303 g
Porte Gigabit Ethernet (router) 1 WAN e 3 LAN
Beamforming Si
Funziona con Orbi OS Si
App Orbi Si
Rete Wi-Fi guest Si
Supporto WPA/PSK2 Si
Funziona con Amazon Alexa Si