Studio One, la DAW di casa PreSonus che fa sentire il suo nome

0
247

Studio One è una Digital Audio Workstation sviluppata da Presonus che si pone come obiettivo di diventare il nuovo standard per l’home e il Pro recording. Certamente, come già gli addetti ai lavori potranno pensare, sarà una strada molto difficile da percorrere; la concorrenza è molto alta su questo settore, perché sono presenti nomi importanti come Cubase, Pro Tools, Logic che da tempo ormai hanno perfezionato, di anno in anno, i loro software di produzione.
Presonus, però, ha investito molto sullo sviluppo di questa Daw e, infatti, ha riscosso ottimi risultati, soprattutto con l‘ultima versione di Studio One, che presenta novità molto importanti, nuove features (che tra poco andremo a vedere), velocità e stabilità del sistema, catturando l’attenzione dei professionisti del settore.

L’ultima versione del software, Studio One 3 è disponibile in tre versioni differenti: Prime (free) , Artist e Professional. All’interno del pacchetto del software troviamo circa 25 GB di plugin e sample, oltre ai plugin native di Studio One per effettuare un mix di alta qualità.
Il punto forte di questa DAW, già dalle prime versioni, è la grande affidabilità e fluidità del software e la grande qualità audio; in più, con la versione 3, vengono implementate nuove funzioni di arrangiamento, nuove features per il sound design, una nuova interfaccia utente user-friendly con la possibilità di utilizzo per schermi multi-touch, per gestire al meglio sessioni di lavoro molto complesse.
Vediamo alcune delle novità inserite nella versione 3 di Studio One:

  • Arranger Track: la prima novità è la nuova traccia Arranger, che permette di selezionare, copiare e spostare intere sezioni con un drag-and-drop, e funge anche da strumento per la navigazione rapida e gestire meglio l’intero progetto.
  • Pad Scratch: questa funzione crea una timeline indipendente dal progetto in cui stiamo lavorando, permettendo di fare esperimenti, produrre nuove idee senza compromettere l’intero lavoro.
  • Nuovi Instruments Plugin
  • Supporto per le App Studio One Remote” e del controller remoto per il moving fader.

[mom_video type=”youtube” id=”ZALHeAeOjM4″ width=”600″]

Per le altre novità, visita il sito StudioOne. Di seguito, un video dimostrativo con tutte le novità dell’ultima versione.

[mom_video type=”youtube” id=”LEf7lTY9TBA” width=”600″]

Nei prossimi articoli, andremo ad affrontare alcune tematiche più tecniche all’interno del software, vedendo praticamente e con qualche videoguida, come affrontare alcuni problemi per gestire al meglio il workflow e conoscere alcune delle nuove features di Studio One.